9° rassegna Nivul e Sogn teatro poetico- 1° appuntamento: “Fame di Sogno”

fame-sogno-17-2

 Testo teatrale di Miriana Ronchetti liberamente tratto dal “ Sogno di una notte di mezza estate” by William Shakespeare    

Interpreti del corso adulti 1° anno: Alessandra Dessì  – Chiara Bedetti – Fortunella Scerra – Francesco Pettignano  -Laura Catelli  – Marilena Ghezzi- Nunzio Nasti – Teodoro Curcio. Partecipa Roberto Poncetta.Le giovani allieve del corso teatro ragazzi: Alice Curti-Elisa Mancuso- Federica De Santis Sara Petrovic.

Questo testo vuole fare incontrare sulla scena, in un sogno, i sentimenti e regalare loro una parte da interpretare per dare loro energia, forza vitale, anima. I sogni, possono mettere in evidenza la nostra forza e la nostra debolezza, ci mettono in contatto con i sentimenti e le emozioni più profonde.L’universo dell’intera umanità è fatto di realtà ma soprattutto di sogno e quando questi mancano o si perdono o non si incontrano, allora l’uomo si indebolisce, svilisce, è infelice, si perde.E tutto muore.

E’ un testo che sento particolarmente vicino alla filosofia di teatro arte, al mio modo di intendere la vita. Coloro che verranno a vedere “FAME DI SOGNO” non devono assolutamente aspettarsi una messa in scena classica e lineare, né recitazione che mette in risalto solo la parola, anzi questo riadattamento va inteso sull’insieme delle tecniche attorali: gesto, mimica, spazialità. Approdiamo dunque a Shakespeare per superare la banalità delle apparenze e far trionfare l’invisibile, il sognante; per abbattere la “mania” delle perfezioni apparenti.Il teatro dell’assurdo ci insegna molto e in una società come la nostra nulla ha più significato se non le sensazioni pure che noi susciteremo; solo quelle, non le parole che una volta ascoltate si dimenticano o si interpretano a modo proprio.Le sensazioni rimangono, così come le immagini che creeranno gli attori.Ognuno, per come è riuscito a fare e “dare” in questo anno di scuola di recitazione, portando il meglio di sé con fatica e volontà, scoprendo il mondo infinito del “fare teatro”. E’, questo, un adattamento basato sul rapporto tra uomo e natura, sulla bellezza dell’interpretazione, sugli istinti e sull’irreale che c’è in ognuno di noi.

 Tel. 031-526079/ Cellulare 329.3817686 Sede legale: V.Scalabrini 27- 22100 Como

 

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons
Social Media Icons Powered by Acurax Web Development Company
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin